La semplicità in un sistema evoluto

Tessere per controllo accessi in palestra e piscina

Nei controlli accessi inizialmente esistevano le tessere a barcode e a banda magnetica poi, grazie ai nuovi sistemi di lettura sempre più evoluti, queste tipologie sono state sostituite con tessere con tecnologia di prossimità come l’Rfid e il mifare.

Oggi nelle tessere possiamo addirittura memorizzare un credito virtuale da spendere nell’erogazione di vari servizi, come ad esempio l’attivazione di una lampada abbronzante o del phon per asciugare i capelli.

La tessera è tutt’oggi il supporto più diffuso grazie alla sua semplicità e versatilità; può essere utilizzato sia all’asciutto che in ambiente umido come una piscina o le docce.

La sua struttura è quella di una card, come il bancomat o la tessera sanitaria, ma la sua grafica è ampliamente personalizzabile.

Alla base abbiamo sempre il software che, comunicando con il lettore, è in grado di riconoscere il supporto e quindi concedere l’accesso e la relativa apertura del tornello, qualora l’utente possieda tutte le credenziali per poter entrare come ad esempio: abbonamento valido, iscrizione annuale valida, certificato medico, situazione economica in regola, orario di accesso conforme al suo corso, ecc….

Vediamone più da vicino le caratteristiche delle tessere per il controllo accessi, sottolineandone vantaggi e svantaggi.

VANTAGGI DI SCEGLIERE LA TESSERA PER IL CONTROLLO ACCESSI IN PALESTRA E PISCINA

  • VASTA SCELTA DELLA TECNOLOGIA:
    come abbiamo già sottolineato i badge spaziano dalla tecnologia barcode al mifare con gestione credito, passando dalla banda magnetica al Rfid 125 Khz. Nessun altro supporto per il controllo accessi è così variegato per quanto riguarda la scelta della tecnologia da utilizzare. E questo rende le tessere lo strumento maggiormente adattabile alle varie tipologie di lettori. La scelta della tecnologia varia a seconda delle specifiche esigenze e della tipologia di servizio che si desidera offrire ai propri utenti. Ad esempio la tessera con barcode non è consigliata per servizi ad abbonamento in quanto facilmente duplicabile, ed è più adatta a ingressi giornalieri o a scalare.
  • FLESSIBILITA’ DI PERSONALIZZAZIONE:
    anche per quanto riguarda la personalizzazione le tessere hanno il primato. Infatti esse possono essere personalizzate non soltanto nella grafica, dove è possibile inserire il proprio logo e i propri dati come numero di telefono e indirizzo email, ma anche nei colori e negli effetti. E’ possibile trovare tessere con finitura lucida o opaca, colore standard o fluo, superficie glitterata, tessere stampante con inchiostro termosensibile che cambia colore a seconda della temperatura.
    Grazie all’estrema flessibilità di personalizzazione ogni club può creare la propria card che diverrà unica nel suo genere favorendo il senso di appartenenza e la fidelizzazione da parte dell’utente. In questo senso la tessera diventa anche strumento di marketing per distinguersi dagli altri.
  • TESSERE ECOSOSTENIBILI:
    di recente, le aziende più ecofriendly, hanno iniziato a inserire nei propri cataloghi anche tessere in ECO-PVC, un materiale interamente riciclabile e compostabile. Un passo importante verso l’ecosostenibilità e la salvaguardia del nostro pianeta con la riduzione della plastica.
  • POSSIBILITA’ DI UTILIZZARE UNO SPONSOR:
    collegato al tema della personalizzazione della stampa c’è anche, scegliendo la tessera come supporto per il controllo accessi, la possibilità di inserire uno sponsor riducendo quindi anche i costi dell’acquisto delle tessere. La tendenza generale è quella di dedicare allo sponsor un intero lato della tessera: il risultato finale è un lato con i dati della palestra, l’altro con i dati dello sponsor ed eventualmente anche uno sconto dedicato ai possessori della tessera.
  • COSTO COMPETITIVO:
    rispetto ad altri supporti, come i bracciali o i portachiavi, le tessere hanno un costo di realizzazione leggermente inferiore. Pertanto è il supporto più apprezzato in un’ottica di contenimento dei costi.

SVANTAGGI DI SCEGLIERE LA TESSERA PER IL CONTROLLO ACCESSI IN PALESTRA E PISCINA

  • FACILE PERDERLA:
    il formato sottile ed ergonomico della tessera, che da un lato risulta vantaggioso perché consente di farla entrare sempre in borsette e portafogli, la rende anche soggetta a un facile smarrimento. Facile perderla e facile dimenticarla a casa, con ripercussioni fastidiose per la receptionist costretta a sbloccare manualmente l’accesso per far entrare clienti smemorati non sempre in buona fede.
  • NON IMMEDIATEZZA DI RECUPERO:
    avere la card in borsa o nel portafoglio “per non perderla” implica che all’accesso occorre recuperarla in modo non sempre immediato. Spesso si dimentica dove è stata messa perché non ci facciamo caso quando la riponiamo, la conseguenza: utenti fermi davanti al tornello in ricerca in ogni angolo del borsone.
  • DOVE TENERLA DURANTE L’ALLENAMENTO:
    se la tessere serve non solo per l’ingresso al centro, ma anche per l’utilizzo di macchinari (es. pedana vibrante o poltrona massaggiante) e/o per l’accesso a servizi (es. erogatore di bevande o attivazione di docce) occorre tenerla sempre con sè. Vero che esistono anche i porta-badge da appendere al collo in modo da limitare il disagio di avere un badge sempre a portata di mano, tuttavia non è sempre così comodo tenere il porta-badge durante l’allenamento

Ogni supporto per il controllo accessi va contestualizzato sempre per il proprio scopo e tipologia di struttura. Ciò che può andare bene per una palestra può non essere la soluzione ottimale per una piscina o un altro centro fitness.

E’ importante per questo valutare bene i vantaggi e gli svantaggi di ogni supporto prima di decidere quale vuoi per i tuoi clienti è fondamentale per offrire un servizio di ottima qualità!
Segui i consigli dei nostri esperti e vedrai che non te ne pentirai.

Chiedi maggiori informazioni