Tempo di lettura: 4 min.

Vademecum sulle norme e protocolli da rispettare nei centri fitness per contenere la diffusione del coronavirus.

protocolli-ripartenza-palestre-covid

Pubblichiamo di seguito un utile vademecum redatto da CIWAS – Confederazione Italiana per il Wellness, le Attività Sportive e la Salute,  su norme e protocolli da rispettare nella riapertura di palestre, piscine e centri sportivi.

Si raccomanda di fare comunque sempre riferimento alle ordinanze specifiche della propria regione o federazione specifica per lo svolgimento della pratica sportiva.

Vademecum riapertura

Cosa prevede il DPCM 7 agosto 2020
Il d.p.c.m. 7 agosto 2020 proroga fino al 7 settembre le misure precauzionali minime per contrastare e contenere la diffusione del Covid-19; le stesse norme sono poi state ulteriormente prorogate fino al 30 settembre con il d.p.c.m. di ieri 6 settembre.
Tante le conferme delle misure attuative precedenti, anche in ambito sportivo.

Attività all’aperto: lo svolgimento di attività sportiva all’aperto, anche in aree attrezzate e parchi pubblici, è consentita mantenendo la distanza di almeno due metri tra le persone; per l’attività motoria la distanza deve essere di almeno un metro (ad esempio una passeggiata a piedi o in bicicletta).

Attività sportiva di base e attività motoria: se svolte all’interno di centri sportivi, piscine, palestre etc. si continuano ad applicare applicano le norme comportamentali previste nelle linee guida dell’Ufficio per lo Sport in collaborazione con la Federazione Medico Sportiva Italiana.

Sono ammesse deroghe dalle eventuali diverse previsioni regionali, nello specifico:

Piscine pubbliche e finalizzate ad uso collettivo escluse quelle ad usi speciale di cura, riabilitazione, termali

  • Deve essere confermata l’idoneità dell’acqua alla balneazione tramite analisi chimiche e microbiologiche
  • Ogni persona deve avere a disposizione una superficie di acqua di almeno 7mq
  • Negli spogliatoi e nelle docce deve essere garantito uno spazio di almeno un metro tra i presenti
  • Si mantengono le norme di sicurezza igienica in acqua e personali così come quelle di disinfezione e pulizia delle aree comuni
  • Può essere misurata la temperatura corporea, ed in caso inibito l’accesso
  • Devono essere rafforzate le modalità di ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto di condizionamento
  • Deve essere redatto e mantenuto l’elenco delle presenze per 14 giorni
  • Deve essere predisposta una adeguata informazione sulle misure adottate

Palestre compresi corsi collettivi senza contatto fisico, impianti sportivi all’aperto con servizi al chiuso

  • Deve essere programmata l’attività con possibilità di prenotazione
  • Negli spogliatoi e nelle docce deve essere garantito uno spazio di almeno un metro tra i presenti
  • Deve essere garantita la distanza di almeno un metro tra le persone quando non svolgono attività sportiva e di almeno due metri durante lo svolgimento di quest’ultima
  • Può essere misurata la temperatura corporea ed in caso inibito l’accesso
  • La struttura deve essere dotata di prodotti igienizzanti con dispenser ben visibili e obbligo di igienizzare le mani all’entrata e all’uscita
  • Gli ambienti e le attrezzature, dopo ogni utilizzo, devono essere regolarmente disinfettati
  • Devono essere rafforzate le modalità di ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto di condizionamento
  • Borse e indumenti personali devono essere riposti in apposite borse
  • Vietato l’uso promiscuo degli armadietti
  • Devono essere utilizzate apposite calzature
  • Deve essere redatto e mantenuto l’elenco delle presenze per 14 giorni
  • Deve essere predisposta una adeguata informazione sulle misure adottate

Sport di contatto
Sono consentiti in quelle Regioni e in quelle Province autonome che, grazie ad un rischio ridotto rispetto all’andamento della situazione epidemiologica, possono adottare protocolli propri atti a ridurre il rischio di contagio.
È necessario a questo proposito consultare le proprie ordinanze regionali.

Autonomia regionale
Visto il riferimento alle ordinanze regionali, che possono prevedere misure attuative specifiche a seconda delle diverse situazioni del contagio, consigliamo di cercarle aggiornate sul sito della propria Regione.

Come gestire un centro sportivo nel periodo del covid-19

LINK UTILI

Nuovo protocollo attuativo per palestre e piscine

Aggiornamento del 20 ottobre 2020 da parte del Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Leggi il protocollo attuativo

Conferenza delle Regioni e delle province autonome

Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative – 6 agosto 2020

Cartelli informativi personalizzabili

Un set di 18 differenti cartelli realizzati da CIWAS per informare in modo rapido, chiaro ed adeguato gli utenti di palestre, piscine e centri fitness.

Scarica i cartelli gratuitamente cliccando qui.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Come gestire una palestra e piscina nel contenimento della diffusione del coronavirus

Leggi l'articolo completo

Scuola, lavoro e tempo libero: cosa cambia nell’era della convivenza con il covid-19

Leggi l'articolo completo