La comunicazione: uno strumento per fare squadra

  • Home
  • Magazine
  • La comunicazione: uno strumento per fare squadra
La comunicazione: uno strumento per fare squadra
26/04/2021 | a cura di Amalia Di Carlo | gestione-studio| gestione-team-di-lavoro

In genere si pensa, erroneamente, che la comunicazione sia qualcosa che riguarda e coinvolge soltanto i vertici degli studi professionali. Ebbene, non è così. La comunicazione è uno strumento, che se utilizzato in modo corretto, è un collante fortissimo per aggregare le risorse umane.

Il progetto di comunicazione di uno studio è, giustamente, impostato e diretto dai professionisti a capo della struttura, ma deve essere condiviso ed esteso a tutti i membri dello studio, per fare in modo che funzioni davvero.

Il valore di una firma

Spesso e volentieri sono proprio le risorse più junior che si occupano di condurre ricerche, raccogliere dati, aggregare informazioni, impostare la struttura dello scritto, quando a volte addirittura a redigerlo, per la stesura degli articoli che vengono pubblicati dalle testate e che poi nella gran parte dei casi, riportano però soltanto la firma del professionista più anziano, che in alcuni casi, si è semplicemente limitato a correggere i refusi.

Cofirmare l’articolo insieme al professionista più giovane, non solo è un fortissimo stimolatore, che lo spingerà la prossima volta a compiere ancora meglio il compito assegnato, visto che è utile anche a lui stesso per accreditarlo al mercato, ma dimostra, inoltre, un maggiore spessore professionale del professionista in questione, che in quel caso è in grado di valorizzare i propri collaboratori.

Quanto conta l’età…sui social

A maggior ragione il coinvolgimento dei giovani membri di uno studio deve avvenire in riferimento alla comunicazione che si svolge nel terreno dei social network. Non bisogna mai scordarsi che più giovani sono i collaboratori, più sono nativi digitali, più in gamba sono con i social. Escluderli da questo progetto sarebbe davvero un grave errore. Nominateli ambassador della comunicazione social dello studio facendo si che “il verbo” si propaghi sul web, proprio attraverso loro, che in genere hanno a loro volta una rete ricca e molto attiva. In questo caso può essere utile mettere in atto anche degli incentivi, premiare l’associate più attivo, per esempio, quello che manifesta il più spiccato spirito di squadra.

Considerate soltanto questo dato di fatto, che se in uno studio vi sono 50 professionisti under 40, e ogni post dello studio riceve ogni volta tutti quei 50 like e per ognuno di essi, ancora, si aggiungono, per tenersi bassi, almeno un altro like relativo alla loro rete, i conti sono presto fatti, si tratta di 100 like ogni post, e la comunicazione gira…

La comunicazione interna

In molti sottovalutano il valore e il potere della comunicazione interna. Ma il successo di uno studio gira anche intorno al clima che si instaura all’interno di quello studio stesso, e a contribuire alla creazione del “best place to work” vi è senza dubbio una sana, chiara e diretta comunicazione. Che i membri di uno studio debbano apprendere dall’esterno, per sentito dire, notizie che riguardano il proprio luogo di lavoro: è frustrante! E inoltre lascia addosso l’idea di non importare, non essere presi in considerazione, cosa che può causare un fenomeno di turnover elevato, e non dare una bella immagine di sé al mercato.

È fondamentale, per questo, impostare una strategia di comunicazione interna che metta al centro tutte le risorse, e le informi dei cambiamenti, dei successi, delle novità riguardanti lo studio. Uno strumento che può essere adottato per veicolare questi messaggi è la intranet interna, che se fatta in modo dinamico, a volte spiritoso, con l’aggiunta di podcast e video e accompagnata magari da programmi di chatting, può fare da aggregatore e fungere da allenatore motivazionale per la squadra che porta ben salda l’insegna dello studio. I primi a veicolare le informazioni e ad essere messaggeri del piano di comunicazione dello studio, sono proprio le risorse umane, e se il messaggio che portano è positivo, allora avete fatto centro, e adottato degli ottimi sistemi di comunicazione interna.

Software processo civile telematico
Netlex in Cloud PDA

Scopri il software per il processo civile telematico! Nessun investimento hardware, nessuna installazione, interfaccia web semplice ed immediata. Vai al software

Richiedi Informazioni