top

Come digitalizzare le aziende della filiera agroalimentare

12.04.2021 - Tempo di lettura: 5'
Come digitalizzare le aziende della filiera agroalimentare

Digitalizzare la filiera agroalimentare è importante per non perdere competitività ed entrare nella produzione 4.0. Ecco come fare per una perfetta Digital Transformation.

La filiera agroalimentare ha una necessità impellente: digitalizzare il proprio settore. Nell’epoca della grande rivoluzione dell’Industria 4.0 il settore alimentare non può restare fuori dai giochi. Ecco perché si parla sempre più frequentemente di Agricoltura 4.0, una modalità innovativa e apparentemente fuori dagli schemi per approcciarsi al mondo dell’agrifood.>

Digitalizzazione nella filiera agroalimentare: perché è importante?

La digitalizzazione ha la capacità di portare enormi vantaggi:

  • trasferimento più rapido dei dati;
  • maggiore efficienza produttiva;
  • marketing multicanale;
  • gestione organizzativa più efficace.

Anche nella filiera agroalimentare digitalizzare significa ottenere questi benefici, un’esigenza oggi obbligatoria per affrontare l’enorme cambiamento che sta rivoluzionando il mondo dell’alimentazione.

Le cause di queste mutazioni sono diverse. In primis una crescita costante della popolazione globale, che si traduce facilmente in una maggiore richiesta di cibo (crescita stimata fino al 70% entro il 2050). Ci sono poi le variazioni del clima, con la conseguente e inevitabile crisi idrica: meno acqua, terreni meno produttivi.

Digitalizzare la filiera agroalimentare e abbracciare l’innovazione tecnologica diventa quindi necessario per ottimizzare le risorse e garantire al settore food di resistere alle scosse di questi nuovi cambiamenti.

I vantaggi della digitalizzazione del settore food

Digitalizzare l’agrifood però non significa solo scegliere una strada innovativa per affrontare l’aumento della popolazione e la crisi idrica. Nella digital transformation del settore alimentare c’è di più. Per esempio, una maggiore propensione del consumatore finale a essere informato sul prodotto. Da dove arriva? Che processo di lavorazione ha seguito? È biologico?

Tante domande a cui solo la digitalizzazione può dare risposte concrete. Una richiesta di maggiore sicurezza che può essere garantita solo dalla sostenibilità digitale: più digitalizzazione assicura maggior controllo sul prodotto e quindi una crescente qualità.

Grazie all’ingresso dell’innovazione tecnologica nella filiera agroalimentare è possibile digitalizzare tutta la catena di approvvigionamento, monitorando ogni processo: la coltivazione, la produzione, i fornitori, lo stoccaggio, la vendita. Non solo, secondo studi di settore effettuati dagli Osservatori Agrifood delle Università di Milano e di Brescia i benefici della digitalizzazione vanno a toccare anche gli ambiti prettamente commerciali: un processo di tracciabilità più efficace significa benefici per l’intera supply chain che si traduce poi in un aumento delle vendite e in una maggiore fidelizzazione del cliente.

Digital Transformation nell’agrifood: come fare?

Molte aziende stanno quindi accelerando le pratiche per digitalizzare l’intera produzione. Il settore vitivinicolo, ad esempio, deve trovare la strada perfetta per coniugare tradizione e digitalizzazione. Essendo uno dei campi di eccellenza dell’agrifood italiano la necessità è scegliere delle soluzioni che sappiano integrare l’innovazione con le consuetudini operative che hanno portato il settore ad essere tra i più apprezzati al mondo.

Come fare? La strada giusta è quella di affidarsi a software gestionali in grado di garantire un’amministrazione a 360° dell’intera attività produttiva. Scopri TeamSystem Wine

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Resta al passo con tutte le ultime novità