Nuove norme Eba, le novità per la gestione dei conti in rosso

Nella normale attività aziendale capita che le imprese passino alcuni giorni, se non settimane, con il conto corrente in rosso. Questo perché le entrate e le uscite spesso non coincidono e la liquidità non è immediatamente disponibile.

Nella normale attività aziendale capita che le imprese passino alcuni giorni, se non settimane, con il conto corrente in rosso. Questo perché le entrate e le uscite spesso non coincidono e la liquidità non è immediatamente disponibile.

Dal 1° gennaio 2021 però le nuove norme Eba (Autorità Bancaria Europea) prevedono delle regole più stringenti sulla gestione dei conti in banca, specificatamente quelli che registrano sconfini e situazioni di rosso. Senz’altro un elemento in più da considerare che costringerà le aziende a monitorare con maggiore costanza la propria situazione bancaria. Per questo motivo, visto la numerosità delle operazioni di amministrazione di un’impresa, sarà sempre più necessario affidarsi a software gestionali bancari in grado di segnalare per tempo eventuali rischi di default.

Nuove norme Eba 2021: chi riguardano?

A una prima analisi, le nuove regole bancarie previste dall’Autorità Bancaria Europea sulla gestione dei conti correnti in rosso sono estremamente rigorose. Soprattutto se si considera l’attuale stato di ristagno dell’economia italiana, stressata dalle conseguenze della pandemia. Questa scelta però è strettamente legata alla necessità dell’Unione Europea di armonizzare il più possibile la regolamentazione bancaria tra i vari paesi europei.

Ma non saranno solamente le imprese a rischiare di essere classificate come debitori in default. Le nuove norme Eba, infatti, riguardano anche i privati, ovvero i conti correnti dei singoli cittadini. Un’occasione in più per migliorare e perfezionare il proprio rapporto con la gestione bancaria.

Incassa Subito

Nuove regole bancarie: cosa dicono?

Le nuove norme Eba introducono il concetto dell’“arretrato rilevante”, in parole povere il conto corrente in rosso. Quando questo arretrato supera, per importo e durata, delle determinate soglie, per le imprese e i cittadini scatta la classificazione di debitore in default. Ecco nel dettaglio quali saranno le nuove soglie:

  • Privati e PMI: la segnalazione di default scatterà per chi registra uno sconfino per più di 90 giorni e superiore ai 100 euro, nonché superiore all’1% del totale delle esposizioni verso la Banca;
  • Imprese: la segnalazione di default scatterà per chi registra uno sconfino per più di 90 giorni e superiore ai 500 euro, nonché superiore all’1% del totale delle esposizioni verso la Banca.

Non solo, le nuove regole bancarie eliminano anche la possibilità di compensare gli importi scaduti con altre linee di credito che il cliente ha in essere presso la stessa banca. Ed è anche questo un cambiamento epocale, se si pensa che le dichiarazioni di default sul territorio italiano non sono state spesso denunciate proprio per via della presenza di linee capienti su altri conti correnti.

Eba 2021: come si comportano le banche?

Le banche dal canto loro non hanno potuto che prendere atto delle nuove regole sui conti correnti in rosso. Così hanno provveduto a comunicare ai clienti, tramite i propri portali, le nuove norme sulla classificazione di default.

Nel pratico le banche stesse saranno chiamate a un super lavoro di controllo del credito preventivo per evitare che i conti correnti in rosso possano essere classificati come inadempienti. Se questo avviene, infatti, dovranno partire in automatico le comunicazioni alla Centrale Rischi della Banca d’Italia.

PMI e imprese: la soluzione per ottenere liquidità immediata

Le nuove regole bancarie dell’Eba costringeranno PMI e imprese a prestare maggiore attenzione all’aspetto della gestione bancaria. Con questa impostazione così ferrea un conto corrente in rosso rischia di trasformarsi velocemente in default, con tutti gli impedimenti e i pericoli operativi che questo comporta.

Per affrontare serenamente il cambio di prospettiva imposto dall’Eba le aziende hanno la possibilità di poter ottenere liquidità immediata in caso di necessità, in modo da scongiurare il rosso sul conto corrente e il mancato addebito di alcune transazioni.

TeamSystem Incassa Subito è la soluzione di Invoice Trading di TeamSystem. Grazie a questa piattaforma l’azienda può cedere i propri crediti commerciali non scaduti ad investitori istituzionali. Con tale operatività ottiene di conseguenza la liquidità necessaria per evitare il conto corrente in rosso ed eventuali segnalazioni.

TeamSystem Incassa Subito è una piattaforma ad accesso gratuito in cui ogni fattura può essere valutata per la cessione a seconda dei parametri definiti dagli investitori.

 

TeamSystem è da sempre al fianco di aziende e degli studi nei processi di innovazione digitale. Tutte le nostre soluzioni sono finanziabili e attraverso una partnership con SIDA Group, società di consulenza finanziaria, supportiamo i nostri clienti nei processi di richiesta di questi contributi. 

01/06/2021
Compila il form per richiedere informazioni
Potrebbero interessarti
Compila il form per richiedere informazioni