Le APP per smartphone hanno invaso tutti gli ambiti della nostra vita
New Thinking Smart Thinking

E’ innegabile: al giorno d’oggi le APP (applicazioni/programmi) per smartphone hanno invaso, in modo irreversibile, tutti gli ambiti della nostra vita.
Basta scorrere la home page del proprio telefono per trovare app di ogni genere: app per ordinare la cena, l’app che registra le performance delle tue corsette serali, l’app per ascoltare la tua musica preferita, l’app dell’asilo che ti dice se tuo figlio ha finito la merenda, l’app per prendere appuntamento dal personal trainer, l’app del medico per richiedere le ricette direttamente in farmacia… e potrei continuare all’infinito.

Nel 2017 il fatturato generato dalle APP è stato di 86 milardi di dollari, con una crescita del +105% rispetto al 2015.

Secondo L’App Annie Retrospective Report, nel 2017 sono state scaricate 175 miliardi di app (+ 60% rispetto al 2015) generando 86 miliardi di dollari di fatturato (+105% rispetto al 2015).
Il paese dove si registra il maggior numero di download è la Cina, seguita da India e Indonesia.

In Italia è WhatsApp l’app più scaricata ed è anche quella che registra il più alto numero di utenti attivi.

Nel 2017 abbiamo trascorso in media 1,5 mesi utilizzando e/o consultando app (+30% rispetto al 2015), con una media giornaliera di 3 ore.
Come so questi dati? Semplice…l’ho chiesto alla mia app di Google Assistant.

Il trend delle APP è in costante aumento per semplicità d’uso e miglioramento generale dell’accesso ad alcune attività della vita quotidiana.

Se il trend delle app è in costante aumento sicuramente ciò si deve alle migliorie che esse hanno portato alla qualità della nostra vita quotidiana.
Favorevoli o contrari alla tecnologia, è indiscutibile che le potenzialità offerte dalle app siano notevoli.
Poter far tutto sempre e ovunque grazie alle app ha fortemente rivoluzionato le nostre vite sia in termini pratici che ideologici.
Le conseguenze di questa sinergia tra nuove tecnologie e essere umano si rispecchia in primis sul nostro modo di pensare:

  • Avere a portata di click tutta una serie di funzionalità e di informazioni ci permette di impiegare meno tempo per svolgere le attività che una volta comportavano un impegno in termini temporali.
    Ad esempio mentre sono in fila alle poste mi prenoto anche il campo da tennis per questa sera
    Riduco e quasi elimino un tempo che sarebbe stato inutile riempiendolo di attività che posso effettuare rapidamente grazie a un app.
    Il tempo acquista valore, elimino gli sprechi inutili.
  • Le app aiutano le persone a tenersi informate. L’accesso alle informazioni risulta facile e veloce, pertanto ognuno può farsi un’idea precisa su un argomento, un potenziale acquisto, una notizia di cronaca, un film…
    Desidero comprare un set per il barbecue? Apro l’app di Amazon.
    Desidero sapere la trama di un film in uscita? Guardo nell’app del cinema
    Desidero sapere quanti soldi ho nel mio conto? Guardo l’app della banca…
    Qualsiasi cosa (o quasi) desidero sapere sicuramente troverò un’app in grado di aiutarmi.
  • Alcune app possono fare cose per te. Ad esempio l’app che ti ricorda dove hai parcheggiato l’auto. Ricordarsi dove hai parcheggiato è un’attività di per sé fine a sè stessa, non aggiunge nessun valore alla tua giornata, anzi è quasi uno spreco a livello di energia mentale. Se hai un’app che memorizza la posizione del veicolo al tuo posto ed al momento opportuno te la ricorda potrai concentrare la tua attenzione su altre cose più importanti.
  • Con le app tutti possono fare tutto, e ciò influenza positivamente l’autostima. Pur non essendo un mago della fotografia con lo smartphone posso scattare una foto, modificando la luminosità e aggiungendo filtri, posso incorniciare e aggiungere del testo ed ecco che ho creato un magnifico invito per la mia festa di compleanno…
    Con le app risulta possibile ottenere risultati soddisfacenti senza l’impiego di tecnologie e/o macchinari avanzati.
  • La comunicazione tramite le app risulta facilitata, il primo pensiero sono ovviamente i vari WhatsApp, Messenger, le varie app di gestione della posta elettronica ecc, ma non sono le uniche app che consentono di comunicare: l’app del gestore telefonico consente di aprire una chat con l’operatore per segnalare un problema, l’app di Wish mi invia le notifiche per avvisarmi che quel prodotto che ho guardato ieri è entrato in promozione, l’app della palestra mi avvisa se la lezione di spinning viene sospesa per qualche motivo…
    La comunicazione con le app è amplificata, si può comunicare sempre, ovunque e in qualsiasi momento. Questo ci permette di essere sempre in contatto con chi/cosa ci interessa.
Il mondo delle APP è in continua evoluzione. Oggi è necessario adottare le nuove tecnologie

A fronte di tanti vantaggi a livello sociale, abbiamo anche il rovescio della medaglia: chi rimane lontano dall’universo delle app rimane tagliato fuori da un mondo in continua evoluzione.
Si aumenta così la distanza, propriamente detta digital divide, tra chi è confidente con l’uso delle nuove tecnologie e le nuove logiche e chi continua ad affidarsi ai vecchi metodi tradizionali rimanendo così escluso da una miriade di possibilità offerte semplicemente prendendo in mano uno smartphone.

La decisione è tua… a quale categoria di persone vuoi appartenere?

Scopri di più sulla WELLNESS DIGITAL EXPERIENCE