News

Bilancio familiare: come ridurre le spese superflue

Bilancio familiare: come ridurre le spese superflue

Ogni famiglia spende, al mese, mediamente 2.499,37 euro. Dove finiscono questi soldi? Una parte - 441,50 euro - nelle spese per alimenti e bevande; un’altra parte, quella più massiccia - 2.057,87 euro - nelle spese per beni e servizi non alimentari, ossia, ad esempio, quelle per servizi ricreativi e spettacoli, per le comunicazioni, per l’abbigliamento o per i trasporti.

Certamente esistono spese di cui non possiamo proprio fare a meno: quelle sanitarie, ad esempio. Qualsiasi mamma, nel caso in cui il proprio figlio stesse male, non baderebbe a spese: non si preoccuperebbe, di certo, di risparmiare; l’unica preoccupazione sarebbe la guarigione del proprio bambino. Tuttavia, esistono altre spese, invece, che possono essere monitorate, limitate e, a volte, anche eliminate. Quali sono le spese che possono essere contenute o addirittura eliminate?

#1. Abbigliamento e calzature.
Sono più del 60% le famiglie italiane che cercano di risparmiare sugli acquisti di vestiti e scarpe - sempre secondo quanto registrato dall’indagine annuale dell’Istat. Facciamo sempre più spesso attenzione alle promozioni, agli sconti, ai periodi di saldi, ecc. Siamo sempre più spesso alla “ricerca dell’affare”. Gli acquisti, in questo settore merceologico, diventano sempre più razionali; e diminuiscono notevolmente gli acquisti d’impulso.

#2. Alimenti e bevande.
Circa la metà delle famiglie, in Italia, presta molta attenzione alle spese per alimenti e bevande. Cerchiamo, oggigiorno, di evitare il piccolo market. Siamo, infatti, disposti a rinunciare alla comodità del negozietto di alimentari vicino o sotto casa in nome del risparmio garantito dai grandi supermarket e dalle più note catene (Esselunga, Coop, Carrefour, e così via).

#3. Cura della persona.
Poco più della metà delle famiglie italiane - circa il 51% secondo l’Istat - risparmia sulle spese per la cura della persona: creme, parrucchiere, centri estetici e di bellezza, ecc. Ci affidiamo sempre più spesso a metodi “fai da te”, cercando così di allocare i soldi in altre priorità.

#4. Vacanze e viaggi.
Sebbene, secondo gli studi Istat, quasi la metà delle famiglie in Italia non effettua spese per vacanze e viaggi, anche qua è possibile limitare il budget da allocare. Utilizziamo, oggi, sempre più spesso siti comparatori di prezzi per voli e soggiorni in hotel, residence o appartamenti. Sono tante le app per smartphone che offrono pacchetti vacanza a prezzi molto convenienti.

I suggerimenti per ridurre le tue spese:

Monitora le tue spese. In che modo? Affidati ad un software di gestione del bilancio familiare

Individua quelle spese su cui puoi realmente risparmiare.

Intervieni su quelle spese.

La più importante, tra tutte, è l’attività di registrazione delle uscite. Lasciati aiutare da un software nella gestione delle tue spese familiari!

[nota]* Dati Istat, Spesa delle famiglie in Italia nel 2015, pubblicati a luglio 2016[/nota]