Gestione Impresa

Professionalità e competenza all'interno del centro fitness

Professionalità e competenza all'interno del centro fitness

Il personal trainer. Forse la figura più rappresentativa di un centro fitness. Ma chi è davvero il personal trainer e che ruolo ha all’interno di una palestra?

Per definizione il personal trainer è quella figura professionale che indirizza e personalizza l’allenamento dei suoi clienti secondo modalità e tecniche adatte al raggiungimento di determinati obiettivi (salute fisica, dimagrimento, tonificazione, massa, ecc.).

Si diventa personal trainer attraverso un percorso di studi multi-disciplinare: dall’anatomia alla nutrizione alla medicina dello sport, ecc. Inutile dire che si tratta di una professione in costante aggiornamento.

Spesso i trainer sono dipendenti stessi del centro fitness, altre volte sono liberi professionisti che mettono la loro professionalità al servizio di più centri.

Negli ultimi anni stanno nascendo anche molti veri e propri centri di personal trainer che hanno fatto della specializzazione in questo ambito il loro core business.

Come opera un personal trainer? Difficile rispondere a questa domanda, in quanto ognuno ha le proprie strategie e questa varietà determina il successo dell’uno rispetto all’altro. Tuttavia è possibile distinguere nel suo lavoro alcune linee guida comuni:

  1. Anamnesi. Fase di conoscenza e raccolta di informazioni sul cliente. I suoi obiettivi, la motivazione, il tempo da dedicare all’allenamento, la storia medica, l’alimentazione, ecc. sono tutti argomenti da toccare durante l’anamnesi. È molto importante che il trainer raccolga più informazioni possibili e analizzi nel dettaglio la situazione di partenza. Inoltre in questa fase si inizia a delineare il rapporto personale tra il trainer e il cliente, fondamentale nelle fasi successive. Un trainer, infatti, diventa per il suo cliente un punto di riferimento nel perseguire l’obiettivo, diventa un motivatore, un coach, un metro di giudizio per la valutazione dei miglioramenti.
  2. Valutazione antropometrico-funzionale. È il parametro oggettivo su cui misurare lo stato iniziale del cliente (“paziente”). Si compone di vari test di efficienza fisica e di misurazioni sulla struttura ossea, composizione corporea, ecc. Le misurazioni verranno ripetute ad intervalli regolari per poter valutare i miglioramenti ed eventualmente ri-tarare l’allenamento secondo i risultati intermedi.
  3. Creazione del programma di allenamento. Sulla base delle informazioni prese nelle fasi precedenti il trainer è ora in grado di elaborare un programma strutturato e personalizzato. Gli esercizi verranno combinati secondo modalità e tempi legati alle possibilità del cliente e diretti verso l’obiettivo finale.

Queste 3 fasi possono essere gestite anche attraverso l’utilizzo di sistemi informatici. Negli ultimi anni i professionisti del settore si affidano sempre di più a software specializzati in grado, ad esempio, di:

  • gestire il database delle informazioni relative alle anamnesi e le misurazioni;
  • ricordare le scadenze e gli appuntamenti;
  • programmare le misurazioni future e gli aggiornamenti delle schede;
  • realizzare schede di allenamento che potranno essere stampate o visualizzate dai clienti sul proprio smartphone.

Le app sono l’ultima frontiera del connubio tra personal trainer e nuove tecnologie. Spesso le schede di allenamento visibili dalle app sono correlate da video esplicativi dell’esecuzione degli esercizi. Anche le misurazioni risultano disponibili alla consultazione da parte del cliente, spesso anche attraverso grafici che evidenziano i miglioramenti. Alcune app invece sono realizzate per gli stessi trainer: per gestire gli appuntamenti, comunicare con i propri clienti e programmare il proprio lavoro.

Ad oggi risulta evidente che siamo ben lontani dagli allenatori improvvisati di qualche decennio fa, molta strada è stata fatta in questo settore.

Il personal trainer è a tutti gli effetti una figura con un ruolo complesso e articolato, ha responsabilità importanti ed è giusto che ogni centro scelga con meticolosità il professionista a cui appoggiarsi.

Così come il professionista deve conoscere e saper sfruttare tutti i mezzi a sua disposizione per poter svolgere il suo lavoro nel miglior modo possibile per il benessere dei suoi clienti.